Cosa Vedere a Palermo

Palermo è una delle più belle città del sud italia con i suoi monumenti, le sue chiese, ed i vari stili che vi si possono ammirare dovuti ai vari popoli che, subito dopo la sua nascita, vi si sono soffermati. Certo girarla in un giorno non è cosa facile. In questa guida ti suggerisco una passeggiata per vedere i posti più belli.

Arrivando in città, un posto da non perdere sicuramente è il teatro politeama. Finito di costruire nel 1891, molto grande e bello con un colonnato esterno ed all’interno una sala con 950 posti. Posto in una vastissima piazza. Da li, percorri via ruggero settimo ed arrivi a piazza verdi, dove puoi ammirare il teatro massimo. Questo è il più grande d’italia con i suoi, circa, 1400 posti. Da li puoi proseguire per via maqueda,arrivando ai quattro canti, dove si incroci via maqueda con corso vittorio emanuele.

In questo incrocio vi sono quattro fontane, una ogni angolo, addossate a dei palazzi barocchi. Esse rappresentano i quattro fiumi che anticamente attraversavano la città, e sopra ad esse le quattro protettrici della città antica poiché essa era divisa in altrettanto cantoni. Ammirata la piazza, prosegui un po’ diritto per via maqueda ed alla tua sinistra puoi ammirare piazza pretoria con il palazzo municipale, la chiesa di santa caterina, e la bellissima fontana omonima risalente al 1580 circa.

Andando avanti per un centinaio di metri puoi ammirare la chiesa della martorana e quella di san cataldo con le sue quattro cupole rosse in stile arabo. Ritorna indietro ed a piazza villena gira a sinistra, puoi ammirare la chiesa di san giuseppe, una delle più grandi della città. Molto bella al suo interno. Continua diritto sempre su corso vittorio emanuele e dopo cinque minuti incontri l’oratorio del ss salvatore. Una chiesa a forma rotonda ed in stile barocco, risalente al 1702.

Continua a percorrere la strada ed arrivi così alla cattedrale. Risalente al 1185. Vi si accede attraverso una villa. Sia accanto ad essa che salendo un altro poco vi è una porta di ingresso alla città ed altro.

Lascia un commento